S. Pompilio

S. Pompilio

Scheda di dettaglio

La chiesa, in origine molto piccola e dedicata allo Spirito Santo, fu commissionata per volontà del Marchese Giovanni Enriquez, che fece venire a Campi Salentina l'ordine dei padri Scolopi affinchè promuovessero la cultura "ai figli del popolo" secondo la regola e la pedagogia di San Giuseppe Calasanzio. La chiesa venne ingrandita, poi, verso il 1675. Nel 1690 ad opera di Agostino e Antonio Trevisi fu terminato il campanile, l'unico presente in città. La rigorosa facciata della chiesa risale al 1895, quando fu rifatta in stile neoclassico: si articola in due ordini, separati da una cornice marcapiano. In contrasto alla rigorosa impostazione dell'esterno, l'interno ad una navata con cappelle laterali si presenta più ricco e articolato. Testimonianza dell'originaria fabbrica rinascimentale sono le volte a botte decorate con fregi in stucco e dipinti. Il santuario conserva le spoglie di San Pompilio Maria Pirrotti , Padre Scolopio a Campi, morto il 15 luglio 1766, e canonizzato nel 1934. L'urna del Santo, rifatta nel 1966 e la stanza dove si spense, che conserva molti suoi oggetti personali, sono oggi oggetto di culto e venerazione. Annessa alla chiesa è il convento dei Padri Scolopi, sede delle "Scuole Pie", strutturate in scuola media inferiore, ginnasio, liceo. Il convento ospita la prestigiosa biblioteca che custodisce migliaia di volumi antichi, vanto della città. 


Contatti e recapiti

Galleria immagini

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su